Crea sito

 

 

Esempi di disinformazione dei media su Israele Parte 1

 

 

 

Si tratta di uno dei principali problemi dell'informazione moderna, cioè i media raccontano alle persone una realtà sul conflitto arabo-israeliano che non esiste. Quelli che seguono sono degli esempi che dimostrano molto bene questa situazione, i media hanno inventato una fiction anti-israele molto pericolosa, dato che viene spacciata per realtà.

I casi che seguono sono anche un laboratorio perfetto per studiare come in una democrazia di massa il populismo dei mass media, il potere arrogante dell’intrigo, un’opinione pubblica pigra e rassegnata a certe accuse investano persone perbene, umiliandole, lordandole con calunnie, falsità, razzismo, bugie.

 

Misere fionde contro un esercito poderoso: ecco il nuovo mito del piccolo Davide contro il gigante. Peccato che per arrivarci bisogna lavorare di fino con forzature, mezze verità, sottintesi e manipolazioni di ogni genere...

http://www.malainformazione.it/schede/40/index.htm?c1235562906

 

Lanciare attacchi terroristici usando la povera gente inerme come scudo può essere politicamente imbarazzante. E allora? Allora si può cambiare suggestivamente la direzione dei missili.

http://www.malainformazione.it/schede/34/index.htm?c1235581947

 

Il poliziotto israeliano che sembra picchiare a sangue un giovane palestinese: è un grande classico dell'informazione. Se, invece, è tutto il contrario, non deve fare notizia. Neanche se ti chiedono la rettifica: bisogna... resistere, resistere, resistere. All'idea di dire la verità.

http://www.malainformazione.it/schede/31/index.htm?c1235573894

 

E adesso, a furia di guardare da una parte sola, nel pieno di una guerra facciamo sparire un esercito. Questa è la narrazione politicamente corretta del conflitto Israele-Hamas, e questi sono i volti degli innocenti usati come scudi umani anche sui nostri giornali.

http://www.malainformazione.it/schede/53/index.htm?c1235119938

 

Abbiamo visto nascondere un intero esercito. Ora ci accontentiamo di far sparire delle armi: sono di falsi pacifisti, ma il bello è la tecnica usata. Basta un 'crop', un ritaglio e il gioco è fatto...

http://www.malainformazione.it/schede/77/index.htm?c1276075212

 

Da un lato le esigenze dei propagandisti, dall'altro -nei media occidentali- la domanda esasperata di immagini iconiche, a forte impatto emotivo per sostenere narrazioni molto ideologiche. Ecco un esempio di come dalla ricerca dell'originalità espressiva si finisce nel ridicolo. Provate voi ad andare a tirar sassi in bilico su un muro di 8 metri...
http://www.malainformazione.it/schede/93/index.htm?c1289590386

 

Un oggetto anomalo o semplicemente in una posizione anomala, o ripreso in modo speciale, o sovrastato da un campo lungo angosciante: l'effetto di drammatizzazione è assicurato con bambole, ciabatte, peluche, portafogli, manichini... E a volte il falso è totale.

http://www.malainformazione.it/schede/45/index.htm?c1235648224

 

L'incredibile storia di uno scandalo di immagini Reuters photoshoppate in modo addirittura puerile. Anche un bambino si poteva accorgere che erano manipolate, ma finivano regolarmente su tutti i media. Finchè i blogger non hanno cominciato un braccio di ferro difficile. E pericoloso.

http://www.malainformazione.it/schede/46/index.htm?c1235656839

 

Bombardamenti mai avvenuti, vedove disperate... a ripetizione: c'è persino una storia che assomiglia a quella di Lazzaro. Con la differenza che qui c'è di mezzo un cappellino da baseball di notevole pregio affettivo e tante semi-smentite imbarazzate.

http://www.malainformazione.it/schede/51/index.htm?c1235665377

 

Grappoli di giornalisti convocati per riprendere delle scenette propagandistiche, per inondare la stampa internazionale di staged photo su episodi inesistenti: è mai possibile? I codici deontologici inorridiscono, ma questa pare proprio la regola.

http://www.malainformazione.it/schede/49/index.htm?c1235662830

 

Come temuto, per non farsi mancare niente Laureen Booth, una famosa pacifista internazionale, ha abbracciato l'Islam. Qui la vediamo nel corso di una sua drammatica azione umanitaria a Gaza di cui i media hanno parlato molto poco.... perché la realtà-reale non combaciava con la realtà immaginaria da salvaguardare. Ah, il politically correct...

http://www.malainformazione.it/schede/91/index.htm?c1288077676

 

Un fatto isolato, un lupo solitario, un poveraccio... Il Giornalista Collettivo ha prontamente rimosso il primo attentato islamico in Italia. Ma la mitologia buonista non dice che i terroristi SUICIDI sono SEMPRE dei poveracci mandati a morire da una vera e propria industria. I cui amministratori delegati ben si guardano dal fare del male a sè stessi o ai propri figli...
http://www.malainformazione.it/schede/68/index.htm?c1255935457

 

Inventare miti, eroi o demoni è semplicissimo. Ma il bello a volta è vedere CHI lo fa. Diamo un occhiata al 'dietro le quintè di una prestigiosa organizzazione umanitaria mondiale...

http://www.malainformazione.it/schede/67/index.htm?c1255212262

 

In guerra la prima a morire è sempre la verità". E se la guerra deve essere coltivata perché rende a qualcuno? Allora la verità va uccisa ogni giorno: con metodo e con odio. A costo di inventare le bufale più incredibili; e per riuscire a farlo è automatico violare ogni regola del 'giornalismo'.

http://www.malainformazione.it/schede/64/index.htm?c1255212326

 

Disinformazione dei media sulla Gaza Flotilla o Freedom Flottilla:

Clicca qui (presentazione PowerPoint)

 

Disinformazione sul Massacro di Itamar. Il doppio standard della stampa italiana:

Clicca qui (presentazione PowerPoint)

 

Le immagini di Gaza censurate dai media italiani per non contraddire l'idea che sia affamata:

Clicca qui (presentazione PowerPoint)

 

Continua incessante la disinformazione delle agenzie di stampa: si tratta della solita storia miserabile, i lettori vengono informati della reazione israeliana, riportata come se Israele mirasse ad uccidere e non a difendersi, nascondendo nel testo la motivazione dell'attacco, che andava messa nel titolo come prima notizia. Le reazioni, in un giornalismo non truffaldino, in genere seguono, non precedono.
http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=999920&sez=110&id=39254

e

http://www.focusonisrael.org/2009/04/04/ansa-disinformazione-antisraeliana/

 

Palestinesi, le verità non dette e i falsi maldestri per coprirle. La propaganda contro Israele è talmente radicata nella mente dei giornalisti da farli deformare il loro giudizio su Israele.

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=2&sez=110&id=39202

 

Richard Goldstone aveva accusato Israele di “crimini di guerra”, ponendo il proprio nome come sigillo nel controverso rapporto che alle Nazioni Unite ha messo Israele e Hamas sullo stesso piano di responsabilità per la guerra di Gaza. Ora Richard Goldstone ritorna sui suoi passi e smentisce il suo rapporto sulla guerra a Gaza, ma i media quasi non ne danno notizia:

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=8&sez=120&id=39185

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=42202

 

Una delle bufale più famose contro Israele: le armi al fosforo usate contro i civili., un falso clamoroso confermato anche dalla croce rossa internazionale. Si tratta di una tecnica consolidata di disinformazione. Dare al massima diffusione alla menzogna contro Israele e nascondere la smentita. La realtà è invece estremamente beffarda: le armi al fosforo vengono usate dai nemici di Israele contro i civili israeliani! Non che l’episodio abbia stupito visto l’atteggiamento intriso di pregiudizio antisraeliano presente in molte redazioni di quotidiani e tg nazionali, ma certo che è sintomatico di come, ancora una volta, l’informazione in Italia sia quantomeno parziale e dichiaratamente non favorevole alle ragioni israeliane….con buona pace di chi pensa il contrario.

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=120&id=27515

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=100&sez=110&id=28504

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=4&sez=110&id=27706

e

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=280&id=37382

e

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=8&sez=120&id=36463

 

è questo il modo di diffondere una notizia? Omettere le cause o nasconderle bene in mezzo all'articolo?

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=999920&sez=110&id=39116

 

Politically Correct: l'uso di parole ovattate per non offendere chi ci vuole morti. E si crea disinformazione:
http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=330&id=36148

 

Il mondo onora chi odia Israele. Due pesi e due misure:

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=70&id=38902

 

Gli ebrei avvelenano i pozzi, gli ebrei diffondono la peste nera, gli ebrei hanno in mano la finanza mondiale...gli ebrei...

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=70&id=38787

 

State buoni ebrei, fatevi ammazzare, tanto siete abituati. Colpa di Israele naturalmente:

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=70&id=39036

 

Omettere di pubblicare notizie che possono essere in qualche modo a favore di Israele, anche se sono clamorose:

http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=157&sez=120&id=39299

 

Si descrive la risposta israeliana prima di specificare da che cosa è stata causata, indicando tra l'altro fonti vaghe:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=39354

 

Per i giornali, gli Israeliani uccisi, anche se in modo clamoroso, non meritano di essere menzionati, mentre ampio spazio viene dato ai morti che volevano Israele distrutto, magari aggiungendo falsità ai danni di Israele e degli ebrei:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=39362

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=39399

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=39412

 

In Italia si arriva ad accusare Israele di delitti molto sentiti dal pubblico nonostante tutte le prove indichino il contrario e nonostante siano gli stessi nemici di Israele dicono chiaramente che non è colpevole:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999910&sez=120&id=39409

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999910&sez=120&id=39634

 

Giornali che spacciano per veri dei comportamenti negativi si Israele che non sono mai accaduti, nonostante si tratti di falsi dimostrati:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=110&id=39450

 

Le differenze tra le due principali televisioni arabe, tra chi getta benzina sul fuoco dell'antisemitismo ed anti-Israele e chi cerca un equilibrio:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=8&sez=120&id=39497

 

La disinformazione attraverso l'omissione da parte della stampa italiana:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=11&sez=110&id=39709

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=110&id=39732

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=16&sez=120&id=39755

 

La stampa cerca di convincere il lettore a credere in menzogne contro Israele e gli USA:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=39825

 

Lo scopo di alcuni articoli giornalistici non è informare, ma diffondere menzogne su Israele, ecco un perfetto esempio della disinformazione che alcuna stampa propina a pagamento ai suoi lettori:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=12&sez=110&id=39937

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=39957

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=39976

 

Perfino i sindacati fanno propaganda disinformativa contro Israele:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999930&sez=110&id=15606

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999930&sez=110&id=15465

 

I media internazionali e la censura dei crimini palestinesi per sfavorire Israele agli occhi dell'opinione pubblica:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=269&sez=120&id=39962

 

Che Ilan Pappe, cacciato per scarsa professionalità da molte università israeliane e finito in Inghilterra da dove guida la propaganda contro Israele, sia lo storico preferito di giornali anti-israeliani non stupisce. Pappe ha applicato nella sua professione la regola dettata da Goebbels, < mentite, mentite, una bugia raccontata mille volte diventa verità >. Potremmo commentare riga per riga le falsità, il non detto, la mezze verità, il tutto a sostegno della tesi di Pappe. Sul piano storico è stato scaricato da tutto l'establishment internazionale, anche da chi è critico nei confronti della posizione israeliana. In Pappe le idee sono poche, le menzogne tante. Ed è bene conoscerle.
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=120&id=22942

 

Secondo i media Israele non ha diritto a difendersi dagli attacchi ad i suoi confini:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=40022

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=40023

 

Quotidiani fedeli all'odio contro Israele, anche se si tratta di una manifestazione pacifica:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=40066

 

Per alcuni giornali qualunque popolo ha diritto al proprio Stato, tranne Israele:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=40089

 

Quotidiani appoggiano teorie complottiste assurde ed offensive pur di difendere il proprio beniamino politico:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=78&sez=120&id=40139

 

La bufala del cane "lapidato" dai perfidi giudei, diffusa anche dalla televisione oltre che dalla stampa:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=40050

 

A distanza di un mese dalla prima diffusione della bufala sulla "lapidazione" di un cane in Israele, sene ripropone una uguale su un altro cane. Visto come è stata accolta l'altra, diamoci dentro, avranno pensato:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=110&id=40236

 

Perfino una importante casa editrice che fa enciclopedie, atlanti storici e libri, effettua operazioni di manipolazioni della storia a danno di Israele:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=110&id=40258

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=18081

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=110&id=14309

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=110&id=10712

 

Anche nei libri scolastici delle elementari si trovano evidenti bugie a danno degli ebrei e di Israele:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=41836

 

Incredibili menzogne propagandate dai comunisti italiani:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=40374

 

Per i media Ogni scusa è buona per criticare Israele, compresa una partita di calcio:
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=4&sez=110&id=40420

 

Una diffusa tecnica di disinformazione è dare rilievo alla risposta israeliana specificando solo in un secondo momento che cosa l'ha causata:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=24&sez=110&id=40584

e

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=6&sez=110&id=40635

 

I cristiani scappano dai Paesi islamici, non da Israele, perché i giornalisti scrivono il contrario su giornali cattolici?

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=1&sez=110&id=40597

 

Le risposte date ai lettori su importanti quotidiani contengono falsificazione e delegittimazione ai danni di Israele:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=2&sez=110&id=40633

 

Riviste italiane pubblicano folli antisemiti:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=110&id=40747

 

La storia di Israele viene raccontata con omissioni gravi sui quotidiani:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=2&sez=110&id=40751

 

Ecco uno dei metodi di disinformazione più classici e deliranti, cioè attribuire ad Israele la colpa di eventi drammatici che toccano l'opinione pubblica:

http://www.focusonisrael.org/2011/07/28/strage-norvegia-mossad/

 

Anche blog svizzeri si dedicano alla più bieca disinformazione di stampo antisemita:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=40789

 

Sui quotidiani italiani vengono pubblicate le teorie più assurde che sono un concentrato di disinformazione contro Israele:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=40874

 

I media tacciono sulle smentite riguardanti a finti ebrei che dicono di lottare contro Israele:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=40951

 

Secondo i giornali italiani cercare e colpire i terroristi che hanno assassinato dei civili disarmati è una bieca rappresaglia di Israele da mettere sullo stesso piano di un brutto attentato:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=13&sez=110&id=41049

 

La disinformazione dei giornali italiani su Israele è tale da cadere nell'umorismo involontario:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=41074

 

I soliti quotidiani italiani tirano fantasiosamente in ballo Israele anche per giustificare ritardi nei processi palestinesi:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=41&sez=110&id=41111

 

Ennesimo attacco antisemita su wikipedia da parte dei complottisti:

http://complottismo.blogspot.com/2011/09/wikipedia-arrigoni-e-hkulture.html

 

L'utilizzo inappropriato e disinformante delle parole dei quotidiani riguardo l'olocausto:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=1&sez=110&id=41223

 

Per i quotidiani ogni occasione è buona per attaccare il governo Israeliano, anche quando è totalmente inappropriato farlo:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=4&sez=110&id=41225

 

Sui giornali italiani Israele viene pesantemente criticata e perfino diffamata perché vuole proteggere i propri cittadini dagli attentati terroristici:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=2&sez=120&id=41245

 

 

Segue pagina 2

 

 

Le verità sul medio oriente

oltre la propaganda antisemita

http://veromedioriente.altervista.org