Crea sito

 

 

Perché Gaza fa la guerra ad Israele?
 

  

 

Gaza non è un territorio occupato da Israele. Lo è stato dopo il 1967 (prima faceva parte dell'Egitto). Poi è stato dato ai palestinesi dopo il 1993 (il 2005 c'è stato il ritiro completo di Israele).

 

Era meno di 10 anni fa che le televisioni di tutto il mondo mostravano l'esercito israeliano trascinare via a forza i coloni irriducibili giù dai tetti di una sinagoga nella Striscia di Gaza, mentre Israele sradicava gli insediamenti, espelleva i suoi cittadini e ritirava il suo esercito, restituendo ogni centimetro di Gaza ai palestinesi. Non era rimasto un solo soldato, non un solo colono, non un solo israeliano a Gaza.
E non c'era nessun blocco. Anzi. Israele voleva che questo nuovo stato palestinese avesse successo. Per aiutare l'economia di Gaza, Israele aveva dato ai palestinesi le sue 3.000 serre che producevano frutta e fiori per l'esportazione. Aveva aperto i valichi di frontiera e incoraggiato il commercio.
L'idea era quella di stabilire il modello per due Stati che vivono pacificamente e produttivamente fianco a fianco. Nessuno sembra ricordare che, contemporaneamente con il ritiro da Gaza, Israele aveva smantellato anche quattro piccoli insediamenti nel nord della Cisgiordania, come chiaro segnale della volontà di Israele di lasciare anche la Cisgiordania e quindi giungere a una soluzione amichevole di due stati.
Questa non è storia antica. Questo è successo nove anni fa.
E come hanno reagito i palestinesi di Gaza alle concessioni degli israeliani, concessioni che nessun dominio precedente, né egiziano, né inglese, né turco, aveva mai dato loro: un territorio indipendente? In primo luogo, hanno demolito le serre. Poi hanno eletto Hamas. Poi, invece di costruire uno stato con le sue relative istituzioni politiche ed economiche, hanno impiegato buona parte di un decennio a trasformare Gaza in un’enorme base militare, piena zeppa di armi del terrorismo, per fare la guerra incessantemente contro Israele.
Dove sono le strade e le ferrovie, l'industria e le infrastrutture del nuovo stato palestinese? Da nessuna parte. Invece, hanno costruito chilometri e chilometri di tunnel sotterranei per nascondervi le armi e, quando il gioco si fa duro, anche i loro comandanti militari. Hanno speso milioni a importazione e produrre razzi, lanciarazzi, mortai, armi leggere, e anche droni. Li hanno deliberatamente collocati in scuole, ospedali, moschee e case private, per esporre meglio i propri civili. E da questi luoghi sparano razzi su Gerusalemme e Tel Aviv.

 

Chi assicura allora la sussistenza del popolo di Gaza? Pochi sanno che:
- la fornitura di energia elettrica è fatta da Israele;
- la fornitura di acqua potabile è fatta da Israele;
- la logistica degli aiuti che arrivano a Gaza dal mondo è fatta da Israele;
- la cura dei feriti e la cura di pazienti palestinesi con gravi patologie è fatta dagli ospedali israeliani.

- a Gaza non vi è nulla che possa fare gola a Israele, non vi sono più risorse agricole, dopo che Hamas ha distrutto le serre che Israele aveva lasciato intatte al momento della sua uscita da Gaza, non materie prime, neppure una posizione particolarmente strategica. Israele sarebbe felicissimo di dimenticarsi di Gaza, come ha potuto dimenticarsi del Sinai dopo averlo restituito all'Egitto in cambio del trattato di pace trent'anni fa. è Hamas che non glielo consente.

- quando Hamas bombarda i civili Israeliani, è proprio Israele a fornire aiuto a Gaza facendo passare oltre 200 camion pieni di viveri, di cibo, di medicinali e prodotti base. Per prevenire una crisi umanitaria, a Gaza entrano inoltre 200.000 litri di carburante al giorno. Intanto pazienti palestinesi, di Gaza e del West Bank, sono curati in diversi ospedali israeliani.


In cambio di questa azione umanitaria fornita da Israele senza obbligo alcuno, Hamas evita di spendere risorse per case, scuole ed ospedali. Le spende per acquistare missili ed armi. La tecnica bellica di Hamas è infatti puramente terroristica. I suoi missili e razzi vengono lanciati a centinaia sulle città israeliane senza selezionare obiettivi ma puntando deliberatamente alla popolazione civile.
Hamas sa che il sistema difensivo di Israele è il più avanzato del mondo, ma lanciano missili "inutili" ma sperano che un buco si possa determinare nel sistema antimissile e causare morti. Inoltre, lanciano missili per provocare la risposta di Israele. Poi proteggono i missili e la basi di lancio con scudi umani perché ci siano morti palestinesi, ottenendo così consenso a livello internazionale.
 

Qualcuno forse si starà chiedendo perché l'autorità palestinese che governa Gaza lancia periodicamente centinaia di missili sui civili israeliani sperando di compiere un genocidio. La risposta sta nell'informarsi sui principi seguiti da questa organizzazione.



La Carta di Hamas: Estratti

1. INVITI ALLA DISTRUZIONE DI ISRAELE:
• "Israele esisterà e continuerà ad esistere finché l'Islam non lo cancellerà, proprio come ha cancellato altri prima di esso" (Il martire, Imam Hassan al-Banna, di venerata memoria) ". [Introduzione]

• "Il Movimento di Resistenza Islamico è un movimento palestinese distinto, la cui fedeltà è verso Allah, e il cui stile di vita è l'Islam. Si sforza di alzare la bandiera di Allah su ogni centimetro della Palestina ..." [articolo 6]
 


2. INVITI ALLA JIHAD
• " Non c’è soluzione alla questione Palestinese se non attraverso la Jihad ." [Articolo 13]

• " Lo slogan del Movimento di Resistenza Islamico : Allah è il suo obiettivo , il Profeta è il suo modello , il Corano la sua costituzione : la Jihad è il suo sentiero e la morte per amore di Allah è il più alto dei suoi desideri. " [ Articolo 8 ]

• “ Di fronte all’usurpazione degli ebrei della Palestina, è obbligatorio che la bandiera della Jihad sia sollevata. " [ Articolo 15 ]

• " La Jihad per la liberazione della Palestina è un dovere individuale:". "Il giorno che i nemici usurpano parte della terra musulmana, la Jihad diventa il dovere individuale di ogni musulmano. Di fronte all’usurpazione degli ebrei della Palestina, è obbligatorio che la bandiera della Jihad sia sollevata. " [Articolo 15]

• " La struttura di base del Movimento di Resistenza Islamico è costituita dai musulmani che hanno dato la loro fedeltà ad Allah, il quale adorano veramente , - " ho creato gli jinn e gli esseri umani al solo scopo di adorare "- che conoscono il loro dovere verso se stessi, le loro famiglie e il paese. In tutto questo, temono Allah e sollevano la bandiera della Jihad in faccia agli oppressori, in modo che essi liberino la terra e la gente della loro sporcizia, viltà e mali. " [Articolo 3]
 


3. RIFIUTO DEI NEGOZIATI DI PACE:
• “Lasciare il cerchio di lotta con il sionismo è alto tradimento”. [Articolo 32]

• "Il Movimento di Resistenza Islamico crede che la terra di Palestina è un Waqf islamico consacrata alle future generazioni musulmane fino al giorno del giudizio. Questa o qualsiasi parte di essa, non deve essere sprecata. A questa o a qualsiasi parte di essa, non si dovrebbe rinunciare. Né un singolo paese arabo, né tutti i paesi arabi, né alcun re o presidente, né tutti i re e i presidenti, né alcuna organizzazione, né tutte, siano essi palestinesi o arabi, possiede il diritto di farlo ". [Articolo 11]

• " Ora ed in futuro l'invito per la convocazione di una conferenza internazionale per cercare dei modi per risolvere la questione palestinese...Queste conferenze sono solo dei modi per collocare degli infedeli nella terra dei musulmani come arbitri " [Articolo 13]
 


4. ANTISEMITISMO E TEORIE COSPIRATIVE:
• “ Il Profeta, Allah lo benedica e gli conceda la salvezza, ha detto: “ Il giorno del giudizio non verrà fino a quando i musulmani non combatteranno gli ebrei ( uccidere gli Ebrei), quando l'Ebreo si nasconderà dietro pietre e alberi. Le pietre e gli alberi diranno: O musulmani, O Abdulla, c'è un Ebreo dietro di me, vieni a ucciderlo.” [ Articolo 7 ]

• “ Il piano sionista è senza limiti. Dopo la Palestina, i sionisti aspirano ad espandersi dal Nilo all'Eufrate. Quando avranno digerito la regione che hanno superato, essi aspirano ad un'ulteriore espansione, e così via. Il Loro piano è incarnato nel " I protocolli dei Savi Anziani di Sion ", e il loro comportamento attuale è la migliore prova di quello che stiamo dicendo”. [ Articolo 32 ]

• “ Per molto tempo, i nemici stavano pianificando, abilmente e con precisione per la realizzazione di ciò che hanno ottenuto. Hanno preso in considerazione le cause che influenzano il corso degli eventi. Hanno cercato di accumulare una grande e sostanziosa ricchezza materiale che hanno dedicato alla realizzazione del loro sogno. Con i loro soldi, hanno preso il controllo del mondo dei media, agenzie di stampa, la stampa, case editrici, emittenti, e altro. Con il loro denaro provocarono rivoluzioni in varie parti del mondo, con lo scopo di conseguire i loro interessi e raccoglierne i frutti. Erano dietro la rivoluzione francese, la rivoluzione comunista e la maggior parte delle rivoluzioni di cui abbiamo ascoltato e sentito parlare, qua e là. Con il loro denaro formarono società segrete, come la Massoneria, Rotary Club, Lions e altre in diverse parti del mondo, allo scopo di sabotare le società e il raggiungimento degli interessi sionisti. Con i loro soldi sono stati in grado di controllare i paesi imperialisti ed istigarli a colonizzare molti paesi per consentire loro di sfruttare le loro risorse e diffondervi la corruzione. Si può parlare quanto si vuole di guerre regionali e mondiali. Erano dietro la prima guerra mondiale, quando sono stati capaci di distruggere il Califfato islamico, ottenendo guadagni finanziari e il controllo delle risorse.” [ Articolo 22 ]

• “ L'invasione sionista è una invasione feroce. Essa non si astiene dal ricorrere a tutti i metodi, usando tutti i modi malvagi e spregevoli per raggiungere il suo fine. Essa si basa fortemente sulle sue operazioni di infiltrazione e spionaggio delle organizzazioni segrete a cui ha dato origine, come la Massoneria, i Rotary club e Lions, e di altri gruppi di sabotaggio . Tutte queste organizzazioni, siano segrete o aperte, operano nell'interesse del sionismo e secondo le sue istruzioni. Essi puntano a minare le società, distruggere i valori, corrompere le coscienze, deteriorare il carattere e ad annientare l'Islam. E’ dietro il traffico di droga e l'alcolismo in tutti i suoi generi in modo da facilitare il controllo e l'espansione.” [ Articolo 28 ]

• " La nostra lotta contro gli ebrei è molto grande e molto seria ... Il Movimento è solo uno squadrone che dovrebbe essere supportato da sempre più squadriglie di questo vasto mondo arabo e islamico, fino a quando il nemico non sarà sconfitto e la vittoria di Allah sarà realizzata. " [ Presentazione ]

• “ I popoli dovrebbero aumentare da ulteriori passi sulla parte loro, i gruppi islamici di tutto il mondo arabo dovrebbero fare lo stesso, dato che tutti questi sono meglio attrezzati per il futuro ruolo nella lotta con i guerrafondai ebrei. ” [ Articolo 32 ]
 


5. IL CONFLITTO CON ISRAELE COME UNA LOTTA RELIGIOSA:
• “ Il programma del Movimento è l’Islam. ” [Articolo 1]

• “ è necessario instillare nelle menti delle generazioni musulmane che il problema palestinese è un problema religioso, e dovrebbe essere trattata su questa base. ” [Articolo 15]

• “ Il Movimento di Resistenza Islamico è una delle ali dei Fratelli Musulmani in Palestina. I Fratelli Musulmani è un'organizzazione universale che costituisce il più grande movimento islamico nei tempi moderni. ” [Articolo 2 ]

• “ La Palestina è una terra islamica Waqf consacrata alle generazioni musulmane fino al giorno del giudizio. Premesso questo, chi potrebbe pretendere di avere il diritto di rappresentare le generazioni musulmane fino al Giorno del Giudizio ? ” [Articolo 11]

 

 

Ecco quindi il perché chi governa Gaza continua a bombardare i civili di Israele con centinaia di missili ed ecco perché non ci potrà mai essere una soluzione pacifica al conflitto.

 

Inoltre, ribadiscono continuamente il loro pensiero, si pensi ad esempio alla propaganda di odio che mandano sulla Tv palestinese di Hamas, come ad esempio quello che segue (Fonte: MEMRI, 27.7.10):

 

«Cari beneamati, la moschea di Al-Aqsa [a Gerusalemme] è sottoposta a una feroce campagna di giudaizzazione e di contaminazione per mano delle più sporche creature che siano state plasmate da Allah: gli ebrei. […] Oggi vediamo i fratelli delle scimmie e dei maiali che distruggono le case con gli abitanti ancora all’interno, che sradicano gli alberi dalla loro terra, che uccidono donne, bambini e anziani. […]

 

Un tributo di sangue sarà pagato per la moschea di Al-Aqsa. Il nostro popolo non abbandonerà mai la moschea di Al-Aqsa e la Palestina. Noi la redimeremo con le nostre anime, col nostro sangue, coi nostri figli, con ciò che abbiamo di più caro, senza badare ai sacrifici che dovremo sostenere, fino a quando sarà liberata, con la grazia di Allah, e fino a quando questa terra sacra sarà purificata dalla sozzura degli ebrei. […]

 

Fratelli nella fede, la moschea di Al-Aqsa permane sotto una tirannica occupazione. Gli ebrei continuano a insozzarla con la loro lordura. L’unico modo per liberarla è attraverso la jihad [guerra santa] in nome di Allah. […]


Oggi la jihad è un dovere individuale, che spetta a ciascun musulmano, uomo e donna. Secondo il principio giuridico islamico, quando un nemico invade una terra musulmana, la jihad diventa il dovere individuale di ogni uomo musulmano e di ogni donna musulmana. Il figlio deve dedicarsi alla jihad anche senza il permesso del padre, la moglie deve dedicarsi alla jihad anche senza il permesso del marito, il servo deve dedicarsi alla jihad anche senza il permesso del suo padrone.»

 

Chi volesse verificare le più recenti espressioni genocide di Hamas può visitare il sito web di Palestinian Media Watch (PMW). Un esempio recente di islamo-nazismo è la dichiarazione di Muhammad Deif, il capo militare di Hamas, durante la guerra a Gaza “ Oggi voi israeliani combattete contro i soldati di Dio, che amano morire per Allah come voi amate la vita, e che fanno a gara tra loro per diventare martiri come voi cercate di evitare di morire”.
PMW ha anche citato recentemente una trasmissione TV nella quale Ismail Haniyeh, leader di Hamas, già Primo Ministro palestinese, ha detto: “ noi amiamo la morte come i nostri nemici amano la vita ! noi amiamo il martirio, il modo in cui muoiono i leader di Hamas”. La stessa TV ha poi diffuso un sermone nel quale veniva ripetuto che l’ideologia di Hamas, in accordo con l’islam, sterminare gli ebrei è il destino dei musulmani. Il sito PMW diffonde molti sermoni palestinesi che incitano a uccidere israeliani e ebrei.

 

E non sono solo parole. I fatti (i missili, gli esplosivi, i rapimenti) seguono.

 

D'altronde Hamas è chiara, come in questa dichiarazione pubblica https://www.youtube.com/watch?v=6NbRUXIXZOI «E’ giunto il momento che diciamo che la nostra vera guerra non mira all’apertura dei valichi di frontiera. La nostra vera guerra mira alla liberazione di Gerusalemme, ad Allah piacendo».

 

Ma perché Hamas fa la guerra ad Israele, pur con ideali islamici di conquista e distruzione, se sa che Israele ha la forza di bloccare i suoi attacchi di rispondere? È solo fanatismo religioso?

 

Il terrorismo è la ragion d'essere di Hamas. Gli islamisti di Gaza non sanno governare, non hanno nemmeno cercato di trovare una logica economica per il loro dominio di Gaza. Prendono il più possibile degli aiuti internazionali per sé (i capi non vivono certo in miseria) e per l'industria degli armamenti.

Se col cemento che hanno usato per costruire i loro tunnel trappola avessero costruito rifugi o magari industrie produttive, non solo i loro sudditi saprebbero dove rifugiarsi, ma senza dubbio sarebbero meno poveri e disperati. Hamas ha bisogno di fare la guerra, perché è la sola cosa che giustifica la sua sanguinosa dittatura, la sua missione principale, il suo DNA, come si può vedere da una rapida lettura del suo statuto ( http://www.cesnur.org/2004/statuto_hamas.htm ).
 

Vi è poi certamente l'effetto propagandistico esterno: agli occhi del mondo, che Hamas sa bene in maggioranza antisemita, si può cercare di apparire vittime dello Stato ebraico anche quando si è gli aggressori. Si esibiscono fotografie di bambini uccisi in Siria o in Iraq spacciandoli per vittime palestinesi, si usa la compiacenza della stampa per rovesciare l'ordine causale presentando l'aggressione come una resistenza, e il gioco è fatto.
 

L'obiettivo è, quindi, quello di attirare la risposta israeliana. Questa produce morti palestinesi per la televisione internazionale. È per questo che Hamas esorta perversamente il suo popolo a non mettersi in salvo quando Israele lancia volantini di avvertimento per un imminente attacco.

D'altronde Hamas nonostante riceva milioni di euro, non ha speso neanche quei pochi soldi per comprare delle sirene per avvertire la popolazione del pericolo e non ha neanche costruito rifugi per la popolazione (come invece fa Israele), perché l'obiettivo è per l'appunto far morire la propria gente (in compenso Hamas ha costruito decine di lunghi tunnel in cemento armato per colpire Israele, dotati di aria condizionata, cibo e letti, in cui però la popolazione civile non può rifugiarsi ma solo i militari di Hamas possono farlo).
Muovere deliberatamente guerra in modo che il tuo popolo possa essere telegenicamente ucciso è pura follia morale e tattica. Ma poggia su una premessa molto razionale: dato lo stato orwelliano del trattamento che il mondo riserva a Israele (vedi: il grottesco Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani), alimentato da un mix di classico antisemitismo, ignoranza storica pressoché totale e simpatia riflessiva per l'apparente diseredato Terzo Mondo, queste eruzioni che mostrano vittime palestinesi in definitiva minano il supporto per la legittimità e il diritto all'autodifesa di Israele.

 

C'è poi anche la spinta culturale. Hamas quando si trova in difficoltà, per esempio quando vede movimenti terroristici come l'Isis che possono essere seri concorrenti al suo predominio su Gaza e al suo ruolo in “Palestina”, si comporta sempre nello stesso modo. è per sconfiggere questi concorrenti e per ristabilire il suo ruolo, insomma per mantenere il suo business che Hamas spesso inizia a bombardare Israele di missili; o meglio, è per questa ragione che espone la popolazione di Gaza alla sofferenza e al lutto. Non solo i danni a Israele, ma anche quelli a Gaza sono sua responsabilità: se rinunciasse a bombardare Israele anche l'autodifesa israeliana su Gaza cesserebbe; ma naturalmente Hamas in questo caso perderebbe la faccia.

L'”orgoglio”, l'”onore”, il “rispetto” sono importantissimi per la cultura del luogo. Anche se non è politicamente corretto dirlo, non si può non tener conto del fatto che la società araba è tribale e segnata da un sistema di valori molto diverso dal nostro, in cui la legalità, l'uguaglianza e il rispetto della vita umana sono sostituiti da altri principi, come l'onore, che non è affatto simmetrico o egualitario, perché esso consiste in un sistema gerarchico, alla cui sommità devono stare i capi guerrieri arabi, e poi giù giù la gente comune, le donne, i cristiani, gli ebrei.

Uno dei punti fondamentali dell'ideologia islamista è la restaurazione di questo sistema autoritario contro la democrazia occidentale, il che comporta naturalmente l'obbligo di rimettere gli ebrei al loro posto. Provarci, sfidare gli equilibri che negano la gerarchia tradizionale, rifiutare la pace e i compromessi non sono vissuti in una società tradizionale come follia ma come eroismo. Fino a che questo sistema di valori non sarà sconfitto, una pace vera fra Israele (ma in generale fra mondo occidentale) e arabi non sarà possibile.

 

 

Come ben sottolineato qui, da noi la questione palestinese è stata per decenni il cavallo di battaglia di una sinistra pretestuosamente anti israeliana. E di una stampa devotamente allineata. Vittima di una sorta di complesso pavloviano la nostra stampa persevera nelle vecchie abitudini nonostante il principale partito della sinistra sia ormai nelle mani di un personaggio che proverebbe, probabilmente, un sincero imbarazzo a stringere la mano ad un capo fondamentalista.

La manifestazione più grave di questo cronico riflesso condizionato è l'incapacità, talvolta, di distinguere la causa palestinese da quella di Hamas ritrovandosi così al servizio della propaganda fondamentalista. A differenza dei giornali stranieri molte testate nostrane continuano a raccontarci un'inesistente guerra di Israele ai palestinesi anziché lo scontro con una fazione che ha fatto del terrorismo la sua principale arma. Una fazione che nel 2007 sbatté fuori da Gaza i «fratelli» dell'Anp eliminando a colpi di esecuzioni sommarie chi non s'allineava ai suoi diktat.
Una formazione armata che ha brutalmente assassinato tre innocenti ragazzini israeliani. Un'organizzazione che il 7 luglio, mentre il governo israeliano invitava a rispondere «con calma alla calma», completava un tunnel per far penetrare un commando suicida dentro Israele e, scoperta, scatenava i missili per sopperire all'insuccesso. Sull'onda di queste sviste scompare dalle cronache nostrane anche qualsiasi riferimento all'intervista in cui il presidente palestinese Mahmoud Abbas, intervistato dalla televisione libanese Al Mayadeen, scarica su Hamas le responsabilità per le vittime di Gaza, condanna chi da «entrambe le parti» usa «la guerra per i propri interessi» e ricorda che «gli unici a rimetterci saranno i palestinesi».

La posizione del presidente palestinese, qui da noi assai ignorata, fa il paio del resto con quella di gran parte dei Paesi arabi. Primo fra tutti quell'Egitto del presidente Abdel Fatah al-Sisi che non si limita a considerare Hamas, nato da una costola della Fratellanza Musulmana, alla stregua di un nemico, ma sigilla i tunnel usati per rifornire la Striscia e blocca al confine gli sfollati in fuga dalle aree attaccate dagli israeliani. Un atteggiamento largamente condiviso dai sauditi che in questi giorni non spendono una parola per Hamas e soci. E anche la decisione di convocare solo domani una Lega Araba riunita, in altri tempi, in tempi assai più rapidi è significativa della diffidenza che circonda ormai il regno fondamentalista di Gaza.
 

Un regno dove donne e bambini continueranno a morire a centinaia a causa dell'inveterata consuetudine di usare i civili come scudi umani. Una consuetudine ampiamente documentata dal rapporto di Human Rights Watch che analizzando la morte dei 135 palestinesi uccisi da Israele durante le operazioni del 2012 a Gaza ricorda come Hamas metta a repentaglio le vite degli abitanti «lanciando ripetutamente razzi da aree densamente popolate nei pressi di abitazioni, centri d'affari e hotel». Conclusioni spesso accolte con distratta sufficienza da una stampa nostrana ancora incline, talvolta, a considerare la tragedia di Gaza una fiera battaglia per l'indipendenza anziché la cinica partita di un'organizzazione pronta a sacrificare i suoi stessi civili per riconquistare l'attenzione e la solidarietà internazionale.

 

Come ben evidenziato qui, durante la cristi dell'estate 2014, i reporters, non tutti ma alcuni, una volta usciti da Gaza hanno cominciato a parlare. Il quadro che ne è risultato era facilmente intuibile, ma per la prima volta i diretti interessati lo hanno confermato: a Gaza i media “lavorano” per Hamas. 

Sappiamo che Hamas usa gli scudi umani. Ma perché riportare questa notizia quando si è seduti nel bel mezzo della Striscia di Gaza, circondati da uomini armati di Hamas?”

La domanda che ci si potrebbe porre, all’inverso è: Perché stare a Gaza se non per riportare notizie?

Perché non si sottolinea la violenza con cui Hamas obbliga i civili a fare da scudi umani ed a morire inutilmente? L’uso di scudi umani è esplicitamente vietato dalla Convenzione di Ginevra!

 

E non una parola sui poveri palestinesi uccisi da Hamas perché sospettati di aiutare Israele, come gli oltre 30 Palestinesi, uccisi senza processo durante una delle “tregue umanitarie” volute da Hamas, con la ridicola accusa di essere “spie di Israele”! Le prove? Carte telefoniche israeliane, “ritrovate” nelle tasche delle vittime. 

E’ la fine che fa chi osa alzare la voce contro Hamas. Dove stavano i solerti reporters? 

Sami Abu Lashin, attivista di Fatah a Gaza, racconta: Il 28 luglio, pochi minuti dopo la chiamata alla preghiera della sera, nel primo giorno della Aid Al Fitr, eravamo riuniti, io e la mia famiglia, quando abbiamo sentito bussare alla porta. Aspettavo un amico e sono andato ad aprire. Mi sono trovato davanti una ventina di uomini incappucciati. Uno di loro si è staccato dal gruppo e mi ha sparato alle gambe, prima alla coscia destra e poi a quella sinistra. Mi accusavano di non aver rispettato l’ordine di non lasciare la mia abitazione, durante le incursioni aeree israeliane. Circa 250 attivisti di Fatah sono stati arrestati da Hamas con la stessa accusa. 125 uccisi subito, per essersi rifiutati di fare da scudi umani. 

 

La notizia è immediatamente rimbalzata su tutte le testate giornalistiche principali? Ma che! Non una parola. I reporters erano troppo occupati a seguire le direttive di Hamas ed a costruire gli stages preferiti dai loro lettori. Ad esempio a mettere in scena “le bambole di Gaza“, un tema ricorrente e che incontra il gusto dei lettori. Dai cumuli di macerie fumanti dopo i raid israeliani, sbucano sempre bambole intatte e pulitissime, stratagemma veloce e di sicuro impatto. 

Non c’è tempo per mostrare i morti ammazzati o feriti, gli scudi umani incatenati ai palazzi e per raccogliere le voci di chi, a rischio della propria vita, protesta. 

 

Il regista israeliano Michael Grynszpan descrive su Facebook uno scambio avuto con un giornalista spagnolo, appena uscito da Gaza. “Abbiamo parlato della situazione del Paese. Lui era molto cordiale. Ho chiesto come mai non si vedono sui canali televisivi di reporting da Gaza, i militanti  di Hamas: niente uomini armati, niente lanciarazzi, nessun poliziotto. Vediamo solo civili in questi reportages, per lo più donne e bambini. Mi ha risposto francamente:”E” molto semplice, abbiamo visto le rampe di lancio di Hamas, li abbiamo visti lanciare i missili, erano vicino al nostro hotel, ma se mai avessimo osato  puntare la nostra macchina fotografica su di loro ci avrebbero semplicemente sparato e ci avrebbero ammazzati  ‘”

 

Nick Casey, del The Wall Street Journal, John Reed del The Financial Times, Harry Fear, del Rt sono tutti giornalisti minacciati di morte per aver descritto il lancio di missili da parte di Hamas. Radjaa Abou Dagga, giornalista franco-palestinese, racconta su Libération di come sia stato catturato da militanti di Hamas, portato in uno dei quartieri generali del gruppo terrorista, basato (guarda caso) all’ospedale di Shifa e di come gli fosse intimata la partenza immediata da Gaza se voleva avere salva la vita. Libération ha rimosso, in seguito, il suo articolo. 

Certo, le voci scomode, per quanto flebili, cominciavano a essere troppe e cosi’ la Foreign Press Association (FPA) Associazione della stampa estera, ha dovuto necessariamente rilasciare un comunicato: 

“La FPA protesta energicamente contro i metodi flagranti, incessanti, energici e poco ortodossi utilizzati dalle autorità di Hamas e dai loro affiliati, contro i giornalisti internazionali a Gaza.” 

 

 

Mentre Israele usa sistemi antimissile per proteggere la popolazione civile e mette in carcere i terroristi, loro usano i civili palestinesi per proteggere i missili e glorificano gli assassini. L’alto numero di civili che trovano la morte sono da attribuirsi ad Hamas, che opera volutamente in mezzo ai civili, una tecnica che viene sottratta dall’informazione, sui giornali ma soprattutto nei servizi televisivi. Mostrare immagini strazianti è la regola, Hamas lo sa bene, e fornisce il materiale umano che impressionerà i telespettatori, non fornirà spiegazioni ma solo emozioni. Altrimenti dette propaganda.

 

Hamas dal canto suo è chiara non solo con i fatti, ma anche con le parole: https://www.youtube.com/watch?v=LWISvih1HAw e cioè la strategia di Hamas: condurre la propria gente alla morte. Così si è espresso il portavoce di Hamas Sami Abu Zuhri, che potete sentire in questo video sottotitolato in inglese: “Questo è qualcosa che la gente dovrebbe sentire, oggi non stiamo conducendo la nostra gente alla distruzione. Noi stiamo conducendo il nostro popolo a morte".

 

Hamas ha disperato bisogno dell’appoggio morale dell’Occidente, non può permettere che la narrazione de “l’eterna vittima” che così tanto successo ha ottenuto, sia inquinata dalla verità. Ha bisogno di mostrare solo una popolazione inerme, i danni dei bombardamenti, i lutti, le bambole tra le macerie per allontanare la domanda “Perché?”. Non esiste causa e effetto, gli attacchi israeliani devono essere considerati solo manifestazione della ferocia innata di un popolo. E quindi è necessario non inquadrare mai i militanti che terrorizzano la popolazione, mai le rampe di lancio, mai ammettere quante fra le vittime siano stati “incidenti di percorso” interni.

Così le minacce verso i giornalisti esteri continuano, nonostante le proteste della FPA. E i reporters che accettano? Si sa, il mondo dell’informazione è spietato, non lascia spazio a chi si dovesse porre domande etiche.

 

Israele fa la guerra contro Hamas, non fa la guerra contro i palestinesi, ed è difficile biasimarlo perché qualsiasi Stato al suo posto lo farebbe. Quello che è da biasimare è il comportamento degli italiani/europei che si schierano troppo spesso dalla parte dei pazzi criminali, cioè Hamas.

 

Chissà se i pacifinti ricordano che Hamas ha costretto numerose persone a farsi esplodere in luoghi affollati e su autobus israeliani allo scopo di ammazzare quanti più civili possibili? Lo sanno che Hamas ha mirato ad ammazzare direttamente donne in cinta, bambini ed anziani?

Ecco ad esempio una lista che riguarda solo gli attentati suicidi in Israele e dove sono indicati quelli rivendicati da Hamas:
http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Palestinian_suicide_Attacks

Si tratta di veri e propri massacri di massa contro civili innocenti, contro bambini e donne, senza contare i feriti, spesso mutilati a vita.

Anche gli attentati non suicidi di Hamas sono alquanto cruenti, come ad esempio quando intenzionalmente crivellavano di pallottole famigliole con tanto di donna incinta:

http://www.oggi.it/attualita/notizie/2010/09/01/israele-palestina-hamas-versa-sangue-sulla-ripresa-del-negoziato/


D'altronde, i civili israeliani da anni sono sottoposti ad un massacro continuo ed indiscriminato, si veda ad esempio la lista dei principali attacchi terroristici conto Israele dal 2001 al 2011
http://archive.adl.org/israel/israel_attacks.html#.U_rnKlIcTIU


Ma tutti questo i pacifinti non lo sanno o fanno finta di non saperlo, e fanno pure in modo che altri non lo vengano a sapere, non sia mai che la gente capisse chi sono davvero i cattivi....

 

 

 

 

 

Le verità sul medio oriente

oltre la propaganda antisemita

http://veromedioriente.altervista.org